January 28, 2022

True Orthodox Diocese of Western Europe

Russian True Orthodox Church (RTOC)

Enciclica della Natività del 2021 Nativity Encyclical 2021

3 min read

“Quando Augusto divenne il supremo signore della terra, la molteplicità del dominio tra gli uomini cessò. E quando Lui divenne uomo dall’immacolata, cessò anche il culto di molti  pagani. Allora le città caddero sotto un unico dominio mondano e le nazioni credettero  in una supremazia divina. Le nazioni sono state iscritte per ordine di Cesare; ma noi credenti siamo stati iscritti nel nome della tua divinità, o nostro Dio incarnato. Pertanto, grandi sono le Sue misericordie, gloria a te”.  (Doxasticon dei Vespri della Natività di Cristo)

 Amati in Cristo nostro Signore, nati nella carne per la nostra salvezza,
 In questo bel doxasticon citato sopra, la monaca Cassiani (Kassia) (+c. 865) ci indica chiaramente che Dio ha scelto un tempo di grandi eventi mondiali per venire a noi nella stessa carne che ha ricevuto dall’uomo più degno di tutti  secoli, la santissima Theotokos.  Ancora una volta, nei nostri attuali tempi di tensione, le “nazioni sono iscritte per ordine di Cesare” – colui che ha orecchi per ascoltare, ascolti – ma noi credenti preferiamo essere “iscritti nel nome della Divinità del nostro Dio incarnato”.  .”  Quando le nazioni ora si riuniscono per eliminare il libero arbitrio dell’uomo, noi credenti ci riuniamo per proclamare che abbiamo dato la nostra vita a Colui che ha assunto la natura umana per condurci in un’altra nazione – lo stesso Regno di Dio.
 Dio si fa uomo per la salvezza dell’uomo;  assumendo la natura stessa che ha creato a sua immagine e somiglianza.  Tra l’altro, i Santi Padri vedono “l’immagine di Dio” come libero arbitrio.  Secondo san Giovanni Damasco, “secondo l’immagine di Dio” ci rivela il potere noetico e il libero arbitrio dato all’uomo (Esposizione esatta della fede ortodossa 2, 12, PG 94, 320).  Il potere noetico è la capacità dell’uomo di giudicare e dividere le cose secondo ciò che è divino, e il libero arbitrio è il potere dell’uomo di operare sia in accordo con la volontà di Dio, sia contro di essa.  Questa interpretazione si trova soprattutto nelle opere di San Massimo il Confessore.  Anche la stessa salvezza dell’umanità, che è la ragione dell’Incarnazione, è una questione di libera volontà da parte nostra.  San Massimo il Confessore ci dice: “Il mistero della salvezza appartiene a coloro che volontariamente vi partecipano, poiché nessuno può essere tiranneggiato per accettarlo” (Sulla preghiera “Padre nostro”).  In questo modo, all’uomo è dato il diritto di scegliere volontariamente il bene o il male.  E se così non fosse, allora nessuno potrebbe essere giustamente ricompensato o punito per nulla, poiché non è dalla nostra volontà che si scelgono i nostri passi buoni o cattivi.  Il nemico delle nostre anime non è stato in grado di rimuovere da noi l’immagine di Dio in cui siamo stati creati, quindi ha semplicemente macchiato questa immagine con il peccato dei nostri antenati.  Attraverso il Cristo che si fa uomo, e successivamente attraverso il mistero del battesimo, Cristo rinnova in noi questa “immagine di Dio”.  Non ci costringe a seguirlo, ma piuttosto ci invita e ci chiama per avvicinarci a Lui (cfr S. Gregorio Palamas, Lettera alle monache più modeste, Xeni).  Come ci dice 1 Corinzi 3:9, in questo modo siamo “collaboratori di Dio”. 
 Amati, oggi, in molti modi, diverse forze cercano di allontanarci dal nostro libero arbitrio.  Non solo ciò che dobbiamo fare nella società è limitato (e spesso giustamente), ma il nostro stesso diritto di prendere decisioni riguardo a noi stessi viene sacrificato al dio della paura imposta.  Che cosa dice in proposito san Massimo il Confessore?  Nei suoi Commenti agli scritti di san Dionigi l’Areopagita (PG 4, 308 A), san Massimo scrive: “Toglici il libero arbitrio e allora non saremo né immagine di Dio, né anime logiche e noetiche”.
 Carissimo a Cristo, né un uomo né un angelo dal cielo avrebbero potuto di nuovo attrarre l’uomo a Dio attraverso il libero arbitrio .  E così si è compiuto «il mistero che è stato nascosto da secoli e da generazioni, ma ora è stato rivelato ai suoi santi» (Colossesi 1:26).
 “Cristo viene a restaurare l’immagine che fece in principio!”  (Troparion della Prefesta della Natività di Cristo).
 
 Supplicando il Cristo incarnato per la nostra “immagine di Dio”,
 
 + Filareto, Vescovo di Pallini e dell’Europa occidentale 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.